Archivio di Ottobre 2008

La voglio!!! - atto secondo -

Venerdì 10 Ottobre 2008
 Fiat 500 Diabolika!

Fascino misterioso per la 500 dedicata ai fans di Diabolik. 50 esemplari unici al mondo pronti a farsi notare per originalità e simpatia

 fiat-500-diabolika-4.jpg

Fiat500 Diabolika Piccola, nera, scritte rosso sangue, è evidente il desiderio di stupire, casa Fiat si sta sbizzarrendo e la 500 cambia veste e colori talmente rapidamente da renderla ancora più veloce e imprevedibile. I soli 50 modelli realizzati passeranno alla storia e resteranno nel cuore di molti. Dedicata a Diabolik, fumetto storico italiano, la terribile si presenta al mondo in veste nera con i sedili anteriori raffiguranti uno Diabolik e l’altro Eva Kant, e non solo, l’attenzione per lo storico fumetto viene riportata anche nei più piccoli dettagli, nei sedili posteriori la serigrafia di uno splendido inseguimento domina la scena mentre la mascherina del ladro compare stampata sui pneumatici Pirelli.

fiat-500-diabolika.jpg

Un’opera d’arte su quattro ruote, la 500 Diabolika ha preso vita grazie a Alfredo Stola di Studio Torino, anche se in numero ridotto sicuramente si farà notare. Forse il caro benzina si è fatto sentire anche dal principe dei ladri del fumetto italiano? Forse…. il mitico soleva viaggiare sulla splendida Jaguar E-Type, evidentemente anche per Diabolik è un periodo di magra, meglio un auto più piccola, simpatica e duttile. Casa Fiat non svela dettagli sulle prestazioni della macchina, ma abbiamo una gustosa galleria di immagini da ammirare. Nel frattempo fate attenzione, Diabolik è tornato … Al momento il modello non è in vendita, ma chissà … possibile che tra le elettriche più amate un domani troveremo proprio lei? Non lo sappiamo ma sicuramente la 500 ama cambiare veste e stare al passo coi tempi, maliziosa e birichina riuscirà a stupirci, ne siamo certi.

27/09/2008 Team Infomotori.com

fiat-500-diabolika-1.jpg    fiat-500-diabolika-2.jpgfiat-500-diabolika-3.jpg

La voglio!!!

Giovedì 9 Ottobre 2008
Ducati Monster 1100 - Test Ride

Come tutti i sequel dei film, è tornato più cattivo, più aggressivo, più snello e high tech, ma sempre con la stessa voglia di segnare il passo nella categoria naked, oggi sovraffollata di giapponesi che il nuovo mostro dovrà affrontare

ducati-1100.jpg

Ducati Monster 1100 - Test Ride. Quando esordì non si era mai vista una moto del genere: niente carenatura, un grosso serbatoio che sembrava il torace di un toro, la coda quasi inesistente, le marmitte che ricordavano i robot della serie Gundam, insomma il nome Monster sembrava azzeccatissimo per una moto che stravolgeva il concetto di due ruote. Non sembra, ma di lustri ne sono passati ben 3, ormai ci siamo tutti abituati a vedere la “piccola” Ducati, anzi nel corso di tutti questi anni abbiamo assistito a migliaia di personalizzazioni, modifiche, l’abbiamo visto cambiare colore al telaio, ai cerchi, ma in buona sostanza è sempre rimasta la stessa moto. Era ora, quindi che una nuova generazione di mostri venisse alla luce ed è auspicabile che questo nuovo mostro dia le stesse sensazioni di stupore che il suo predecessore diede. La linea è molto più attuale: spiccano subito i bellissimi ed enormi terminali così come il serbatoio che, nonostante mantenga il suo aspetto da torace di toro, ora sembra più moderno, con le griglie che permettono un maggiore afflusso d’aria e un angolo di sterzo più ampio, oltre ad essere molto accattivanti esteticamente. In definitiva si è riusciti a rinnovare completamente la moto, mantenendo però le caratteristiche peculiari che l’hanno resa una campionessa d’incasso: il telaio in treccia di tubi, la coda quasi mozza, la frizione a secco che produce quel tipico “sferragliamento”, tanto cari ai ducatisti, sono sempre al loro posto, ma nuovi accorgimenti tecnici sono stati adottati. Innanzitutto, si vede anche a occhio nudo, questa nuova Monster è più alta, meno seduta della precedente, è stata alzata complessivamente di circa 40 mm, soprattutto la seduta è stata pensata affinché il pilota stia più eretto.

 ducati-1100-5.jpg

La forcella, interamente regolabile, ha una corsa di 130 mm invece dei 120 della 696, così come la sella è più alta di 10 mm. Dietro troviamo un pregiato forcellone monobraccio che pesa solo 5 chilogrammi, pur mantenendo un’estrema rigidità. Leve con pompa radiale, come ovviamente pinze ad attacco radiale per garantire il top nella frenata, nuovi cerchi a 5 doppi raggi, luci posteriori a led, cruscotto retroilluminato bianco, manubrio in alluminio a sezione variabile: tante insomma le modifiche, anzi si fa prima a dire che del vecchio Monster non è rimasto neanche un pezzo, forse giusto il mozzo della ruota posteriore, ma i tecnici ci assicurano che neanche quello è sopravvissuto al restyling. Tutte queste novità per fare una moto che abbia una posizione di guida più “pistaiola”, che sia leggerissima (infatti pesa complessivamente solo 169 Kg), potente e divertente. Come sempre saltiamo su e vediamo come si comporta sulle bellissime strade della Costa Azzurra, quelle stesse strade che vedevano il buon James Bond correre con la sua Aston.

09/12/2008 M.B. x Infomotori.com

ducati-1100-1.jpgducati-1100-2.jpg        ducati-1100-3.jpg    

Scheda tecnica

Prezzo (S) 11.200 (13.200)
Cilindri 2 a L
Cilindrata 1078 cc
Potenza cv/giri 95/7500
Coppia Nm/giri 103/6000
Lunghezza 2121 mm
Altezza sella 810 mm
Angolo di sterzo 32 gradi
Peso 169 kg
Serbatoio 15 lt

ducati-1100-4.jpg